Villa MM

1 / 25
L’intervento riguarda la ricostruzione di un casino di campagna, edificato nel XVIII secolo dalla famiglia Colonna su di un terrazzamento artificiale disposto lungo la strada Ceccano-Pofi e crollato per fatiscenza intorno alla fine del XX secolo. Rigettando la riproposizione filologica e intendendo salvaguardare le qualità ambientali del lussureggiante quadro naturale circostante (punteggiato da imponenti pini mediterranei e cedri di alto fusto), il progetto, ispirato all’inclusivismo sperimentato da Piero Bottoni nel restauro di villa Muggia a Imola, ha praticato una sorta di”anastilosi creativa”. Ovvero ha assunto come velario il fronte principale, unica struttura originale residua, restaurandolo e configurandolo in guisa di belvedere affacciato verso i monti Ausoni, e ha introdotto un corpo edilizio stereometrico di pari ingombro, ma contrassegnato da un linguaggio espressivo schiettamente contemporaneo e articolato in due unità residenziali autonome sovrapposte. In particolare la terrazza di copertura, recuperando la suggestione moderna della tolda navale, è suggellata da un’altana sormontata da due lucernari ed è rivestita con un involucro di lamiera metallica di rame stagnato la cui innovatività si raffronta con la vetustà della facciata settecentesca. I locali tecnici e la cantina, denunciati esternamente da una canna fumaria di forma troncoconica, sono stati ricavati inferiormente al giardino. La finitura delle superfici murarie esterne è stata realizzata in intonaco tinteggiato relativamente al corpo di fabbrica principale e in lamiera di rame stagnato relativamente all’altana che corona la terrazza di copertura; gli infissi esterni sono stati realizzati in profilati di alluminio verniciato; la scala elicoidale, i parapetti e le canne fumarie sono stati realizzati in lamiera di acciaio inox; le pavimentazioni esterne sono state realizzate parte in pietra arenaria martellinata e parte in listelli di legno. Gli interni, sia spazialmente che figurativamente, sono caratterizzati dal rapporto di continuità con il parco.
Villa MM
ricostruzione di un casino di campagna del XVIII secolo

tipologia 
realizzazione
luogo 
Ceccano (Fr)
committente 
privato
progetto architettonico 
HOFLAB (Paolo Belardi), HOFPRO (Alessio Burini)
progetto strutture
HOFPRO (Roberto Baliani), Sergio Calabrò
progetto impianti 
Fabio Celani, Guida Verna
direzione lavori
HOFPRO (Roberto Baliani)
direzione artistica
HOFLAB (Paolo Belardi), HOFPRO (Alessio Burini), Marco Barola
impresa
Cedap 
dati dimensionali
superficie lotto 1.800 mq
superficie edificio 320 mq
volumetria 1.100 mc
cronologia
progetto 2002-2003
realizzazione 2004-2006
fotografie
Andrea Jemolo
disegni a matita
Alessandra Carlini

pubblicazioni
Fabio Quici, Il Sacrario Mancini a Perugia e la Villa Micheli a Ceccano, in “il progetto”, 31 (2008)
Alessandra Coppa, Progettare l’esistente, in “Area”, 93 (2007)
Marco Mulazzani (a cura di), Ricostruzione di una casa in campagna, Almanacco di Casabella. Architetti italiani 2007, Electa, Milano 2007, pp. 138-145
Mario Pisani, Villa Micheli, in “l’Arca” 221 (2007), pp. 92-93
Villa Micheli a Ceccano, in “Materia”, 54 (2007), pp. 154-155
Massimiliano Falsitta, Intervista al prof. Paolo Belardi dello studio HOF associati, in “Area”, 85 (2006)