Centro Cortonese

1 / 25
Le ragioni dell’intervento derivano dal rapporto dialettico instaurato con le preesistenze ambientali al di là dell’effettiva qualità figurativa: il lungo rettifilo di una via di penetrazione urbana, lo squadernato impianto di un prefabbricato commerciale e la scintillante linea del minimetrò firmata da Jean Nouvel. In tal senso, l’edificio consiste in un corpo di fabbrica lineare, tagliato trasversalmente da un percorso pedonale di quartiere (volto a collegare il parco Chico Mendez con il parcheggio di piazza Umbria Jazz) e organizzato su tre livelli sovrapposti (di cui uno interrato destinato a depositi, uno terreno destinato ad attività commerciali e uno sopraelevato destinato ad attività direzionali). I caratteri costruttivi e distributivi sono correlati al funzionamento bioclimatico della sezione, contrassegnata verso sud dalla galleria che distribuisce le unità commerciali e verso nord dal ballatoio aperto (ma protetto da un’alta pensilina) che distribuisce le unità direzionali. Mentre i caratteri compositivi sono correlati alle diverse modalità percettive consentite da un lato dalle autovetture e dall’altro dalle navette. Nel primo caso, segnato da un punto di vista dal basso e mutevole repentinamente, l’edificio si propone come segno dinamico elementare, la cui uniformità è ritmata dalle paraste metalliche che separano le unità commerciali oltre che dai montanti del nastro frangisole che individuano le unità direzionali. Nel secondo caso, segnato da un punto di vista in quota e mutevole lentamente, l’edificio riserva particolare attenzione all’amplificazione dell’articolazione volumetrica, perseguita mediante l’introduzione di cinque ecoterrazze, e alla mitigazione della presenza paesaggistica, perseguita mediante l’inerbimento della copertura.
Centro Cortonese
complesso commerciale-direzionale intergrato con il minimetrò

tipologia 
realizzazione
luogo 
Perugia, via Cortonese
committente 
Andromeda srl, Do.Ri.Ca srl
progetto architettonico 
HOFLAB (Paolo Belardi, Simone Bori), HOFPRO (Alessio Burini), Alessio Boco, Valeria Menchetelli
progetto strutture
HOFPRO (Roberto Baliani), Sergio Calabrò
progetto impianti meccanici
Flu.Project (Mario Lucarelli, Michele Bartoccini)
progetto impianti elettrici
studio GZ (Guglielmo Zepparelli)
progetto sistemazioni vegetali
UNIPG (Aldo Ranfa)
direzione lavori
HOFPRO (Alessio Burini)
direzione artistica
HOFLAB (Paolo Belardi)
impresa
Calzoni spa
dati dimensionali
superficie lotto 14.000 mq
superficie edificio 6.200 mq
volumetria 9.500 mc
cronologia
progetto 2004-2006
realizzazione 2006-2008
fotografie
Daniele Filacchioni

pubblicazioni
Mario Pisani, Italy Now architecture 2000-2010, Edilstampa, Roma 2011, pp. 134-135
Luca Martini, I luoghi dell’architettura contemporanea in Umbria (2006-2011), in “Speciale Festarch 2011”, Big Projects, Perugia 2011, p. 34
TECU® Architecture Award 2010, in “Casabella”, 802, 2011
The Winners - TECU Architecture Award 2010, KME Group S.p.A., Firenze 2011, pp. 8-9
Clotilde Cadringher, Coperture in rame, serramenti con lamelle basculanti, in “Il Nuovo Cantiere”, 5 (2009), pp. 20-24
Centro Cortonese, Perugia, Italy, “Copperconcept Awards 2009” (http://www.copperconcept.org), [28.07.2009]
Laboratorio Italia - hof centro cortonese, in “d’Architettura”, 38 (2009), pp. 16-17, 28-29
studio HOF, Centro Cortonese: edificio ad uso commerciale e direzionale - Perugia, Italia, “plotCADbox” (http://box.plotcad.it/dblog), [18.03.2009]
Carla Zito, Urbs extra moenia sostenibile, in “Il Giornale dell’Architettura”, 69 (2009), p. 12
Mario Pisani, Ordine, in “Parametro”, 270-271, 2007, pp. 178-179